25tht November 2006
( "Da Giau " - Turin )
Line Up:
SANdBLASTING + ZX81
SANdBLASTING
proporrà una improvvisazione live basata sulla modulazione di forme d' onda base e sulla elaborazione di suoni prodotti da oggetti comuni che verranno utilizzati durante la performance. Per questo live act infatti verranno impiegati oltre ai classici e "convenzionali" strumenti musicali anche degli oggetti che fanno parte della vita comune di ognuno di Noi. Alla base della performance dimostrare come la vita di ogni giorno sia accompagnata da una continua ed inarrestabile "colonna sonora" composta da innumerevoli sonorità ( bit ) generate dagli oggetti più disparati con cui entriamo in contatto ma alle quali per svariati motivi nessuno di Noi presta la stessa attenzione, soffermandosi a pensare e lasciando correre la propria immaginazione, cosa che al giorno d' oggi sembra essere solo più una sfortuna in possesso di poche persone. Una esibizione live molto particolare e completamente diversa da quelle che sono state le ultime apparizioni dal vivo di SANdBLASTING (Padiglione 14, Noise Club) nel capoluogo Torinese.
ZX 81
E'il progetto di Cesare Discepoli di Perugia: ad oggi ha pubblicato un demo dal titolo “0” e l’omonimo “ZX81” . Ad "Automatica" riproporrà il live act presentato ad Agosto a Berlino durante la festa dei 3 anni della etichetta / organizzazione dello SCHLAGSTROM (realtà ormai saldamente affiliata a labels di importanza modiale come Ant Zen ed Hands) dove suonò di supporto a Punch Inc, Klangstabil, Monolith ed Alec Empire. Un live act che a differenza della release su Rustblade sarà molto più improntato su ritmiche breakbeat / industriali senza cmq tralasciare quella particolare ricerca nei suoni di atmosfera che molto ha caratterizzato il suo omonimo Cd "ZX81": per dare un idea si potrebbe definire il sound di ZX81 come un mix tra il primo Richard James (Aphex twin) e gli Autechre...Una esibizione quindi non solo da gustare sonoramente ma anche da ballare! Al termine del concerto di ZX81 i due artisti eseguiranno una improvvisazione dove cercheranno di miscelare tra loro le diverse sonorità delle due prcedenti performance: una cosa mai provata prima tra i due, il primo di Torino ed il secondo di Perugia. L' esibizione conclusiva per dimostrare che oggi anno 2006 l’ “elettronica” non è solamente un "povero" ed alienante fenomeno musicale da dance floor composto principalmente da ritmiche in 4/4 sempre uguali tra loro ma può anche essere SUONATA attivamente ed offrire situazioni sperimentali di ricerca.